Le domande dei pazienti, le risposte dei nostri specialisti

Chirurgia orale (1)

Perché spesso dobbiamo togliere il dente del giudizio?
A causa delle infiammazioni pericoronali del terzo molare e a causa della mancanza di un adeguato spazio lungo le arcate per tutti gli elementi dentali. Da cui un aumento dell’incidenza delle malocclusioni ed una maggiore difficoltà per un’eruzione normale dei denti del giudizio.

I terzi molari vanno controllati a partire dai 14-16 anni. Già a questa età è possibile una precoce analisi sul futuro spazio disponibile per una corretta eruzione dei terzi molari. Il controllo viene effettuato tramite esame radiografico: ortopantomografia e tomografia computerizzata (TAC).

Perché affidarsi ad un chirurgo orale specialista?
Il chirurgo orale è un medico odontoiatra che ha seguito un percorso di studi post universitario e un tirocinio ospedaliero. Offre una specializzazione che gli consente di affrontare anche gli interventi più complessi garantendo al paziente competenza e esperienza di alto profilo.

 

Ortodonzia fissa e intercettiva (2)

Quali sono i benefici di un trattamento ortodontico?
I benefici principali di un trattamento ortodontico sono il miglioramento dell’estetica facciale, del sorriso, della funzionalità dell’occlusione. Anche da considerare la facilità con cui i denti ben allineati possono essere puliti, con evidente vantaggio nella prevenzione di carie e parodontopatie.

Qual è il momento migliore per visitare un bambino?
L’ideale è poter visitare un bambino all’età di 6/7 anni. A questa età inizia la permuta dei denti decidui e si possono individuare precocemente eventuali disarmonie scheletriche e dentali.

Cos’è l’ortodonzia?
L’ortodonzia è quella branca dell’odontoiatria che ha la funzione di correggere e migliorare le varie disfunzioni della costituzione dentale e mascellare causate solitamente da un anomalo sviluppo della dentizione di un individuo.

 

Endodonzia (3)

  • Che cos’è una terapia canalare?
    E’ una terapia che serve a togliere il nervo all’interno del dente.
  • Che cosa succede al dente devitalizzato?
    Perde la componente organica che gli conferisce l’elasticità necessaria ad ammortizzare la resistenza alle forze cui è sottoposto durante la masticazione. Per questa ragione è opportuno proteggerlo da eventuali fratture con ricostruzioni adatte, dette intarsi o capsule.
  • Perché se il dente è in necrosi (morto) devo ricorrere alla terapia canalare?Se un dente è in necrosi, i canali radicolari vengono contaminati da batteri prodotti dalla necrosi stessa, ragion per cui si rende necessario il trattamento endodontico

Pedodonzia (4)

  • Quando effettuare la prima visita?
    La prima visita è consigliata entro il quarto anno di età ed ha una finalità quasi puramente conoscitiva. E’ opportuno che il bambino entri in contatto con l’ambiente odontoiatrico, con il personale, e prenda confidenza con lo strumento di base.
  • Perché curare i “denti da latte”?
    Perché rivestono un ruolo importante nella salute orale del bambino. Consentono la masticazione, la corretta fonesi, stimolano la crescita ossea ed hanno la funzione di mantenere lo spazio per gli elementi permanenti consentendone il loro corretto posizionamento in arcata.
  • Quali sono le regole da seguire per evitare la comparsa di carie?
    Le semplici regole riguardano l’igiene orale, l’alimentazione e la prevenzione. Il bambino deve lavare i denti almeno due volte al giorno (mattina e sera), è opportuno che il genitore supervisioni o che lo aiuti in questa manovra. Si consiglia un’alimentazione varia, permettendo ai bambini di mangiare i dolci, ma durante i pasti e sempre prima della frutta, in modo che venga compiuta già una prima azione di pulizia che deve essere completata dopo ogni pasto con l’uso dello spazzolino. E’ necessario abolire gli spuntini fra i pasti che, oltre a determinare una produzione continua di acidi, costringono l’apparato gastrointestinale ad una continua attività. E’ preferibile consumare cibi duri o crudi perché una parte della placca può essere già in parte asportata riducendo il consumo di cibi particolarmente appiccicosi (gomme, caramelle, merendine, confetture, frutta secca ecc)

Parodontologia (5)

Protesi Fisse e Mobili (6)

  • Tutte le volte che si ricopre un dente con una corona (capsula) è necessario devitalizzare il dente?
    Assolutamente no. E’ sempre preferibile, finché possibile, mantenere il dente vivo. La devitalizzazione (ossia la rimozione meccanica del nervo stesso, per motivi vari (carie profonda, frattura del dente etc) si sia esposto e sia quindi stato contaminato dai batteri. Quando invece un dente deve essere ricoperto con una corona, se non vi sono motivi specifici, non deve essere devitalizzato.
  • Non mi piace il colore e la forma dei miei denti davanti. Come posso migliorare l’estetica senza incapsulare i denti?
    Esiste una terapia, specifcamente indicata per cai estetici, grazie alla quale è possibile modificare sia la forma che il colore dei denti anteriori senza che questi vengano completamente ricoperti.Si tratta delle cosiddette “Faccette” che non sono altro che delle sottili lamine di ceramica o composito (dello spessore di 0,3-0,7 mm) che si incollano (attraverso l’uso di specifiche resine odontoiatriche) alla superficie anteriore dei denti. In alcuni casi, il dente dovrà essere solo minimamente limato mentre molto spesso le faccette si possono  incollare sulla superficie del dente perfettamente integro. In questo modo, le faccette, che avranno forma e colore desiderato da paziente, avranno modificato il sorriso del paziente in due appuntamenti.
  • Esiste un modo per prendere le impronte senza usare le paste?
    Grazie all’uso dell’impronta digitale possiamo evitare l’uso di paste per la rilevazione delle impronte per ponti e corone. L’impronta ottica consiste infatti nell’esecuzione di alcune fotografie della zona di lavoro che trasformano il dente in una immagine digitale su cui poi verrà realizzata la corona in ceramica nell’arco di appena due ore.
  • E’ possibile evitare che si veda il bordino scuro nei denti incapsulati?
    Il bordino scuro delle corone in ceramica è legato alla presenza di una lega aurea o metallica all’interno della corona stessa con lo scopo di rendere estremamente resistente la ceramica che altrimenti da sola sarebbe molto fragile e non adeguata a resistere alla masticazione. Sono ormai presenti in commercio da diversi anni  delle ceramiche (ossido di zirconio, alumina, disilicato di litio) che hanno una elevatissima resistenza alla frattura e possono quindi essere utilizzate senza alcuna presenza di materiali metallici di rinforzo. Questo permette quindi la realizzazione di corone totalmente bianche, con la scomparsa di qualsiasi bordino metallico antiestetico.

Ortodonzia invisibile e Invisalign (7)

In che cosa consiste la tecnica Invisalign?
La tecnica prevede l’impiego di mascherine trasparenti, rimovibili, create per spostare efficacemente i denti nella posizione desiderata, che vengono prodotte utilizzando tecniche di imaging digitale tridimensionale.

Il paziente, attraverso un procedimento computerizzato di nuova concezione, può visualizzare i progressi ed il risultato del trattamento.

Le mascherine sono:
– invisibili, per cui non generano alcun imbarazzo e sono facili da indossare;
– rimovibili, e pertanto consentono un igiene orale ottimale;
– comode e facilmente indossabili; permettono di praticare qualsiasi attività sportiva e di  suonare strumenti musicali in modo sicuro e semplice rispetto alle normali apparecchiature.

Quanto dura un trattamento?
La durata del trattamento varia in relazione alla malposizione dentaria che si deve correggere ed è comunque predeterminata. Il paziente può pertanto conoscere fin dall’inizio, il termine della sua terapia ed ha la possibilità di visualizzare, step by step, gli spostamenti e le modificazioni degli elementi dentari fino al raggiungimento del risultato desiderato.

I risultati sono stabili nel tempo?
Come per la terapia ortodontica tradizionale, anche con la tecnica Invisalign, si deve attuare una fase di contenzione, al fine di evitare eventuali recidive. I posizionatori trasparenti Vivera, sono costituiti da materiale termoplastico resistente alla deformazione e sono pertanto in grado di garantire una contenzione efficace e di maggior durata.

Conservativa (8)

  • Quali sono i trattamenti conservativi più frequenti e necessari?
    Le otturazioni, le ricostruzioni e gli intarsi. Le prime due vengono chiamate dirette, in quanto eseguite in studio in una o più sedute. Gli intarsi invece necessitano di più incontri perché la parte di dente mancante viene realizzata dall’odontotecnico presso il suo laboratorio. La necessità di ricorrere ad una o all’altra soluzione viene stabilita dal dentista in base alla forma e alle dimensioni della parte di dente mancante.
  • Quali materiali si utilizzano per le ricostruzioni?
    Vengono utilizzate resine composite utilizzando una metodica adesiva.
  • Quanto possono durare un’otturazione, una ricostruzione, un intarsio?Diversi anni, ma la durata è condizionata da molteplici fattori: dalle tecniche e dai materiali usati, dall’estensione, dalle più o meno corrette e scrupolose pratiche di igiene domiciliare e dalla frequenza dei controlli che possono individuare precocemente eventuali problematiche.

Implantologia (9)

Gnatologia (10)

  • Quando è necessario fare una visita dallo gnatologo?
    Se alla mattina al risveglio avvertite dolori facciali nella zona anteriore all’orecchio, questa può essere un’indicazione a farvi visitare; quindi, dolori facciali, muscolari, o articolari, rumori a livello articolare, cefalee e problemi alla zona cervicale ed infine dolori alla masticazione sono altri segnali che ci devono indirizzare alla visita gnatologica.
  • Quale può essere la soluzione?
    Solitamente può essere sufficiente una serie di indicazioni comportamentali o il confezionamento di un bite; in casi estremamente rari può essere necessaria una terapia ortodontica o protesica o entrambe.